blog

FOODEXP2020 E I GIOVANI TALENTI

Pubblicato da Pugliabout

La bellezza di un territorio è creata dalla sua arte culinaria

La Puglia è sicuramente tra le regioni italiane turisticamente più richieste.

Sarà quella sua forma ben definita che la relega all’estremo sud di un Paese già ai confini del Mediterraneo, sarà quel territorio aspro ma pieno di variegate alternative, saranno quei dialetti che cambiano da paesino a paesino.

Un pò tutto. La Puglia é un insieme di cose che la rendono unica e speciale. Una sorta di teatro di posa a cielo aperto.

In questo contesto di incontenibile bellezza, il cibo ed il vino diventano componenti principali nell’esaltazione dell’unicità.

Noi di Pugliabout.com, che questa unicità cerchiamo di valorizzarla attraverso il racconto del territorio e dei suoi protagonisti, abbiamo deciso di partecipare al FoodExp2020, una manifestazione creata per promuovere l’arte culinaria pugliese ed italiana attraverso il racconto delle materie prime utilizzate.

Lo abbiamo fatto insieme agli amici e partner di Osteria Antico Forno (Mesagne), amanti dell’alta qualità e della ricerca abbinata alla tradizione.

Veniamo subito colpiti dallo splendido scenario che ospita la manifestazione. Il Convento dei Domenicani è una chicca storico-architettonica nel cuore della bellissima Lecce.

L’accoglienza e l’organizzazione sono perfette, l’atmosfera è coinvolgente.

Ci aspettano gli stand che si alternano all’ombra del porticato. Qui iniziamo il nostro giro degustativo incontrando il Salumificio Giannelli, un’azienda che continua la tradizione dal 1972; assaggiamo una grande varietà di insaccati dal gusto delicato, ma quello che ci colpisce di più è l’altissimo livello qualitativo del capocollo al vincotto, una vera delizia per ogni palato.

Proseguiamo con la piacevole scoperta di un prodotto generalmente associato al nord Italia ma che sembra essere molto presente anche in Puglia: il tartufo. Assaggiamo la delicatezza di quello offerto dal ristorante Al Tartufo e capiamo l’importanza della ricerca gastronomica dell‘Accademia del Tartufo Borgia.

Poi, per rimanere nella tradizione di questo territorio, è il turno dell’olio e dei prodotti caseari. L’Olivetum ci consente di vivere un’esperienza unica a livello olfattivo e gustativo grazie allo spettacolare Olio Extra Vergine di Oliva Fonte di Vitamina E, un olio dal sapore intenso, speciale.  Il Caseifico Montrone ci porta, invece, alle origini della cucina nostrana con un bocconcino affumicato al legno di faggio, incredibilmente saporito e inaspettatamente semplice nel gusto.

Siamo già conquistati dall’offerta del FoodExp. Decidiamo di passare al vino.

Qui, a colpire la nostra attenzione, è l’azienda vinicola siciliana Donnafugata; testiamo il Lighea (un vino bianco allo zibibbo che è una vera esplosione di profumi fruttati) ed il Sul Vulcano (un rosato nel quale è riconoscibile il sapore degli agrumi siculi). Dalla Sicilia passiamo al Friuli, da Donnafugata arriviamo all’azienda agricola Livon. Ci conquista il Solarco, profumatissimo e molto piacevole al palato e, soprattutto, il Braidealte, un vino bianco che riesce ad eccellere grazie alla sua vinificazione in legno che si prolunga per circa 8 mesi.

Ci è venuta fame, è ora di assaggiare i piatti gourmet preparati dagli chef emergenti del tacco d’Italia.

Chef Putti, del ristorante Classico, ci accoglie con il suo Road Trip, un panino che rende omaggio al Salento, alla Sardegna ed al Triveneto grazie all’esplosione di gusto offerta dal mix tra catalana ai crostacei, kren bbq e yogurt ai pomodori secchi. Buonissimo.

Chef De Luca, del ristorante Origano di Cantine Menhir, offre una rivisitazione dell’acquasale salentina con peperone alla salmura e mandorle. Delicato e gustoso.

Chef Parlangeli, dell’Osteria degli Spiriti, raccoglie la genuinità del territorio con la sua melanzana in agrodolce. Saporito e semplice.

Chef Favale, de La Cucina di Mamma Elvira, mantiene intatte le radici pugliesi con la sua polpetta al sugo ripiena di melanzane e condita con cacio ricotta. Buona e tradizionale.

Chef Carlucci, del Canneto Beach, offre un’ostrica con cocco e frutto della passione. Innovativa.

Gli Chef Romano e Tramis, dell’osteria Lilith, conquistano i più golosi con un fico alle mandorle ed al cioccolato. Superlativo.

Il FoodExp2020 è stata l’occasione ideale per vedere la crescita di un settore che ha saputo reinventarsi in un momento particolare, mantenendo intatta un’identità unica al mondo.

Questo è il vero valore del Made in Italy.

 

Vai al sito di FoodExp2020

 

Per informazioni o richieste di partnership potete contattarci al nostro indirizzo mail info@pugliabout.com

 

 

 

 

 





Articolo Precedente
venerdì, Giugno 5, 2020

LA BASILICA DI SANTA CATERINA

Pubblicato da Pugliabout