blog

Castel Del Monte

Pubblicato da Pugliabout

Uno dei luoghi sicuramente più conosciuti della Puglia, grazie alla sua forma rara ed al mistero attorno alle sue origine.

Castel del Monte è uno dei tre siti archeologico-storici più importanti di questa lunghissima regione (assieme alle Grotte di Castellana ed ai Trulli di Alberobello) e si è fregiato del riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 1996.

Sorge su un piccolo promontorio circondato da una natura incontaminata, in quella Murgia barese che ospita paesaggi rurali di grandiosa bellezza.

Questo castello, originariamente, prendeva il nome della piccola frazione nella quale sorge e veniva denominato Castello di Santa Maria del Monte. Successivamente, però, il nome venne cambiato prendendo solo spunto dalla collina.

Venne eretto presumibilmente intorno al 1240 per volere di uno dei personaggi più importanti della storia del sud Italia, quel Federico II che troviamo come figura portante in tanti racconti storici pugliesi.

Castel del Monte ha sempre nascosto un alone di mistero ed è sempre riuscito ad attrarre numerosi visitatori principalmente perché si continuano a fare diverse teorie riguardanti la sua origine e funzione. Basti pensare che non può essere considerato una fortezza perché sorge su un altipiano facilmente visibile e attaccabile e non è circondato da fossati protettivi; non può nemmeno essere stato una residenza vera e propria perché pochi sono gli ornamenti regali al suo interno e nemmeno una residenza di caccia perché non sono presenti stalle.

Sicuramente la fortezza era molto cara a Federico II e venne eretta tenendo molto conto della geometria e dell’astronomia (basti pensare che sono presenti 8 torri ottagonali su un perimetro anch’esso ottagonale).

A partire dal suo posizionamento (per molti riconducibile a scelte di natura astronomica), passando per il gioco di luci e ombre che tiene conto dei periodi dell’anno e dei solstizi, Castel del Monte riesce a conservare una natura mistica che lo rendono luogo indecifrabile ed uno dei pochi siti archeologici italiani di primaria importanza ancora avvolti da una patina di “non conoscenza”.

Sicuramente un luogo particolare, visitato ogni anno da un numero altissimo di turisti vogliosi di conoscere da vicino il capolavoro dell’enigmatico Federico II.





Articolo Precedente
sabato, maggio 26, 2018

Gallipoli

Pubblicato da Pugliabout
Articolo Successivo
lunedì, giugno 4, 2018

PUGLIABOUT E' ONLINE

Pubblicato da Pugliabout