blog

Alberobello

Pubblicato da Pugliabout

Per scoprire la vera Puglia bisogna, almeno una volta, camminare tra le viuzze del centro storico di Alberobello.

Sicuramente il paese più famoso di questa lunga e ricchissima terra.

Alberobello è conosciuto per le sue caratteristiche abitazioni denominate Trulli e, nel 1996,  è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Impossibile non rimanere rapiti dal fascino di queste costruzioni dalle cupole a secco e dai pinnacoli decorativi, la cui origine misteriosa risale al 1600.

Anticamente utilizzate dai contadini come dimora anche invernale (soprattutto nel caso di un altro comune della provincia barese, Locorotondo), i Trulli sono stati rivalutati e scelti come simbolo di una regione agricola che, negli ultimi anni, ha saputo attirare e conquistare un turismo internazionale affascinato dalle tradizioni e dai paesaggi.

Un simbolo del ritorno all’antico, della voglia di esaltare le bellezze e la cultura della Puglia.

Facendo un giro tra le viuzze del centro storico interamente costituito da Trulli, si ha come l’impressione di tornare ad un tempo lontano fatto di semplicità e lavoro duro; è come sentirsi protagonisti di una fiaba, a stretto contatto con un luogo semplice e molto misterioso.

Entrare all’interno di una delle costruzioni tipiche del luogo, ad esempio,  consente di ammirare da vicino un prodigio dell’architettura e della sapienza umana.

La costruzione di un trullo prevedeva, infatti, specializzazione e ingegno: i cosiddetti “maestri caseddari” posizionavano piccole pietre di forma piatta una accanto all’altra, formando un cono di assoluta precisione al quale aggiungevano il bianco pinnacolo finale.

Una delle usanze principali del passato (che è andata perduta nel tempo), inoltre, prevedeva la realizzazione di simboli di culto dipinti a calce lungo i tetti delle costruzioni.

I rioni principali che permettono di godere delle bellezze di questo luogo sono due: il Rione Aia Piccola ed il Rione Monti.

All’interno di quest’ultimo sorge la Chiesa di Sant’Antonio, costruita nel 1927 ed anch’essa costituita da un tetto a forma di trullo.

Visitare Alberobello è una esperienza unica, un modo per scoprire la storia di una regione dalle mille sorprese.





Articolo Precedente
sabato, maggio 26, 2018

Polignano a Mare

Pubblicato da Pugliabout
Articolo Successivo
sabato, maggio 26, 2018

Ostuni

Pubblicato da Pugliabout